Home »

 
 

Carta Servizi IGM

 

 

 

  1. Finalità

I principali valori cui fa riferimento l’organizzazione dell’Istituto Geriatrico Milanese sono:

  • UNIVERSALITÀ. Il rispetto del diritto di ogni persona ad essere assistita e curata senza alcuna distinzione e discriminazione.
  • RISPETTO DELLA DIGNITÀ DELLA PERSONA. La dignità della persona è un valore che deve essere salvaguardato di fronte a qualsiasi difficoltà, malattia o disabilità.
  • Richiede un impegno continuo nello sforzo di farsi carico dei bisogni della persona per assicurare una migliore qualità di vita.
  • CENTRALITÀ DELLA FAMIGLIA. Il legame con i familiari è una parte fondamentale nel sostegno della persona anziana, che influisce sul suo stato psicofisico, pertanto IGM favorirà in ogni modo la partecipazione e le relazioni con l’ambiente familiare di provenienza.
  • L’utente e i familiari saranno informati in modo esauriente e corretto. Potranno contribuire al miglioramento dei servizi con suggerimenti e proposte, o effettuando reclami e segnalando eventuali mal funzionamenti.
  • L’Istituto Geriatrico Milanese si è dotato di Codice Etico.

 

Le finalità di IGM mirano ad offrire:

  • un ambiente che attenui la sensazione di distacco dal proprio domicilio, che assicuri un’appropriata tutela assistenziale e sanitaria, organizzato sul modello della comunità familiare.
  • interventi volti al mantenimento o al recupero parziale, dove possibile, delle competenze ed autonomie personali, assicurando quanto previsto dalle normative di riferimento vigenti.
  • una comunità aperta alla città e tesa a viverne gli spazi, a rendere facilmente accessibili i propri, mediante iniziative sociali e culturali e partecipando a quelle di altri soggetti pubblici e privati.
  1. Modello Organizzativo

 

L’Istituto Geriatrico Milanese (IGM) è una società che svolge servizi di tutela e di  cura agli anziani non autosufficienti.

IGM offre due residenze sanitarie assistenziali e un centro diurno integrato.

IGM è amministrata da un Consiglio di Amministrazione composto da cinque membri; il Presidente è il legale rappresentante della società.

La Direzione è affidata ad una Équipe composta da:

  • Un Responsabile di Struttura
  • un Responsabile Medico

Le responsabilità funzionali sono così identificate:

  1. Legale rappresentante e CDA: indicano le linee strategiche di lavoro ed approvano il budget di gestione.
  2. Équipe di Direzione: sono responsabili della gestione di tutte le attività e del relativo budget.

 

  1. Descrizione della struttura

 

L’Istituto Geriatrico Milanese è sorto dalla ristrutturazione di un edificio preesistente e consta di sette Piani, di un Piano Rialzato e di un Seminterrato. Cinque piani ospitano cinque nuclei di 31 letti ciascuno, collocati in camere doppie provviste di armadio, guardaroba, televisione, telefono.

Gli spazi comuni e le camere sono state arredate avendo attenzione, nella scelta del mobilio, a ricreare un ambiente il più possibile familiare. Le camere, che tradizionalmente rivestono il ruolo di maggior rilievo, sono frutto di un’accurata progettazione che permette inoltre un’ottimale sfruttamento degli spazi. L’armadio a nicchia, il letto esteticamente curato nei particolari (parti a vista in massello arrotondato, testata lignea), l’ampio comodino.

Un bagno, interposto ogni due stanze, è accessibile alle carrozzine, provvisto di lavabo, water e sedile.

Su ogni piano si trova un ampio spazio aperto delimitato da arredi che funge da sala da pranzo e soggiorno per gli ospiti che preferiscono restare al piano.

Ogni piano è provvisto di una palestra di riabilitazione, un idoneo locale per attività occupazionali di sostegno, animazione e ricreazione. Ogni nucleo è dotato anche di un locale attrezzato per il bagno assistito. In ogni nucleo è situata una camera ad un letto per ospiti in stato terminale e per ricoveri temporanei, contiene un divano letto per i parenti dell’Ospite, un tavolino e l’armadio per la biancheria personale.

Tutte le camere dispongono di ampie e luminose vetrate nonché di un sistema di ricambio d’aria automatico, mentre il soggiorno  dispone di aria condizionata.

Al Piano Rialzato sono collocati alcuni servizi che comprendono:

  • il Front office (Reception e Accettazione)
  • l’ Ufficio Accoglienza e Relazioni con il Pubblico (U.A.R.P.);
  • un salotto, nella sala di ricevimento all’ingresso, per l’attesa;
  • una piccola biblioteca annessa ad un salottino dove gli ospiti possono incontrare amici e familiari;
  • un’ampia palestra per la ginnastica di gruppo;
  • un ambulatorio per le visite mediche, la podologia
  • un locale per il servizio di parrucchiere;
  • un bar aperto sei giorni alla settimana, e un ampio soggiorno da cui si accede ad un terrazzo con spazio verde attrezzato di panchine e tavoli con una parte coperta.

Al settimo piano sono collocati la Direzione e gli uffici amministrativi.

Il seminterrato è suddiviso in due parti: nell’ala sinistra sono collocati la Cappella  ed il locale per il Commiato; nell’ala destra è situata la cucina ed i locali tecnologici della struttura.

La RSA Istituto Geriatrico Milanese è stata autorizzata per 155 posti letto con provvedimento definitivo della provincia di Milano n° 240 del 14/11/2002 ed è stata accreditata per 150 posti letto con deliberazione della Regione Lombardia nr. VI/ 39014 del 19 ottobre 1998. I posti contrattualizzati con la ASL di Milano sono 150.

  1. Criteri di accesso

La Residenza Sanitario Assistenziale è un’unità d’offerta residenziale rivolta a soggetti anziani di ambo i sessi con diversi livelli di non autosufficienza sia dal punto di vista fisico che psichico, non assistibili a domicilio e richiedenti trattamenti continui.

  1. Modalità di ricovero

Per il ricovero è necessario presentare la seguente documentazione :

  1. A) Compilazione a cura dei familiari o persone di riferimento della domanda di inserimento unificata per le RSA di Milano disponibile presso il front-office, richiedibile alla nostra Assistente Sociale all’indirizzo e-mail assistentesociale@igm-care.it oppure scaricabile dal sito dell’ATS Milano – Città Metropolitana .
  2. B) Compilazione a cura del medico (curante o dell’ospedale) della scheda sanitaria di ingresso presso le Rsa disponibile presso il front-office, richiedibile alla nostra Assistente Sociale all’indirizzo e-mail assistentesociale@igm-care.it oppure scaricabile dal sito dell’ATS Milano – Città Metropolitana .
  3. C) Certificato del medico curante (su ricettario regionale) oppure dell’ospedale di provenienza che attesti che il paziente è esente da malattie infettive e che può vivere in comunità.
  4. D) Fotocopia della carta d’identità.
  5. E) Fotocopia della tessera sanitaria della ATS di residenza.
  6. F) Esenzione del pagamento ticket per reddito o per invalidità per le prestazioni specialistiche.
  7. G) Fotocopia del verbale di invalidità civile oppure, se ancora non si dispone di tale documento, della relativa domanda per il riconoscimento. In assenza di ambedue, la dichiarazione che per il paziente non è stata avviata la pratica per il riconoscimento dell’invalidità civile.
  8. H) È opportuno allegare alla domanda di ricovero l’esito dei seguenti esami:
  • Marker epatite B
  • Marker epatite C
  • Emocromo
  • Elettroliti
  • Elettrocardiogramma
  1. I) Eventuale nomina dell’amministratore di sostegno.

Nel caso di un recente ricovero ospedaliero può essere prodotta copia degli esami effettuati durante la degenza.

La domanda corredata con la documentazione (A, B, C, D, E, F, G, H e I) dovrà essere consegnata all’ufficio Accettazione; l’Istituto provvederà in tempi brevi a comunicare l’esito della domanda, sentito il parere della Direzione Medica.

 

Ospiti non residenti in Lombardia

È necessario procurarsi l’impegnativa di pagamento del contributo sanitario da parte della Regione di residenza. L’importo di tale contributo deve essere almeno pari a quello erogato dalla regione Lombardia.

In assenza di impegnativa, la retta dovrà essere aumentata in misura pari al contributo sanitario previsto dalla Regione Lombardia.

 

  1. Accoglienza e presa in carico

 

Il Responsabile del servizio accoglienza (l’assistente sociale) è coadiuvato nello svolgimento dell’attività di accoglienza anche dalle responsabili dei servizi.

Nel caso si fosse interessati l’assistente sociale e le responsabili dei servizi sono disponibili ad effettuare delle visite guidate previo appuntamento.

IGM si propone di radicare nel territorio l’esperienza di vita di ogni Comunità residenziale, sulla base degli interessi e della predisposizione degli utenti e dei loro familiari, nel rispetto delle volontà e disponibilità di ogni utente. Ciò si concretizzerà con l’attivazione di nuove relazioni sociali, mediante l’organizzazione di occasioni di incontro e di scambio, l’uso dei servizi sul territorio e la progettazione di eventi con le realtà della zona (parrocchie, associazioni, scuole, commercianti, ecc.).

All’ingresso in struttura (prevalentemente di mattina) l’Ospite ed i familiari sono accolti al front-office dall’assistente sociale che compila la scheda socio-educativa, dopodiché avvisa il medico responsabile del piano e l’infermiere del nucleo dell’arrivo dell’Ospite.

Il Medico del nucleo dopo essersi presentato accompagnerà l’Ospite ed i familiari nella sua stanza e li informerà dell’organizzazione del nucleo, della disposizione dei locali, degli orari di visita, dei pasti ecc.

Seguirà un’accurata visita medica al fine di raccogliere tutti i dati utili per la gestione dello stato di salute dell’Ospite.

Viene indicato ai familiari l’animatore di riferimento, il quale raccoglierà le informazioni utili all’adattamento dell’Ospite in struttura. L’animatore seguirà l’Ospite per le giornate successive, aggiornando gli operatori dell’equipe sull’evoluzione dell’Ospite in fase di adattamento.

L’infermiere del nucleo sulla base delle informazioni raccolte redige il piano di assistenza infermieristica per le prime 24 ore, rilevando le necessità ed i presidi utili all’Ospite.

Lo psicologo nei giorni successivi all’ingresso farà un colloquio con l’ospite per valutarne gli aspetti psicologici, emotivi, comportamentali e cognitivi ed un colloquio con i familiari per raccogliere i dati biografici (anamnesi) e gli stralci della storia personale dell’Ospite (storia familiare e lavorativa, eventi significativi, interessi particolari, elementi inerenti la malattia).

Nei giorni successivi i componenti dell’equipe multidisciplinare, che ha preso in carico l’ospite, effettueranno le valutazioni delle diverse aree funzionali dell’ospite.

Ciò permetterà di costruire un quadro generale delle risorse delle problematiche dell’ospite e quindi di progettare l’intervento sulle sue specifiche necessità.

Il Piano di Assistenza Individualizzato raccoglie i problemi e le priorità, gli obiettivi a breve, medio e lungo termine e le attività essenziali al raggiungimento degli stessi.

Durante la giornata si alterneranno periodi d’impegno sanitario assistenziale, riabilitativo, sociale, ludico e periodi di riposo. L’alimentazione è particolarmente curata per assicurare all’Ospite le calorie necessarie e gli alimenti fondamentali per il mantenimento di un corretto stato nutrizionale; il menù quotidiano, comunicato in anticipo agli ospiti consente sempre la scelta fra almeno due primi, due secondi e due contorni. La cucina fornisce attraverso il servizio di dietologia pasti appositi per diabetici, nefropatici, edetuli ecc.

Gli ospiti non possono assumere farmaci diversi da quelli prescritti dal medico di reparto e riportati sull’apposita scheda della terapia giornaliera.

La Referente ASA o l’Infermiere del Nucleo sono sempre disponibili per fornire informazioni ai parenti; nella bacheca del piano sono riportati gli orari in cui è possibile avere un colloquio di aggiornamento con il Medico del nucleo.

 

  1. Giornata Tipo

 

Dalle ore 7,00 alle ore 9,00 circa il personale assistenziale provvede alla sveglia degli ospiti e alla loro igiene personale.

Dalle ore 9,00 alle ore 9,30 circa viene servita la colazione.

Dalle ore 9,30 alle ore 12,00 circa si svolgeranno negli spazi appositi le attività sanitarie, di riabilitazione e di animazione.

Dalle ore 12,00 alle ore 13,00 circa viene servito il pranzo.

Dalle ore 13,00 alle ore 15,00 è previsto il riposo pomeridiano.

Dalle ore 15,00 alle ore 18,00 circa si svolgeranno le attività sanitarie, di riabilitazione e di animazione, inoltre alle ore 16,00 circa viene servita la merenda.

Dalle ore 18,30 alle ore 19,30 circa viene servita la cena.

Dalle ore 20,00 circa in poi il personale assistenziale provvede ad accompagnare gli ospiti e a prepararli per il riposo notturno.

 

  1. Menù Tipo

 

L’ Istituto si avvale di un servizio di mensa interna, con centro cottura e personale assunto. Il piano nutrizionale per gli ospiti, tiene presente molteplici fattori quali: età, sesso, abitudini alimentari, patologie, stress; meritano attenzione due aspetti particolari:

  • variazione delle necessità energetiche e nutritive;
  • Formulazione di una dieta bilanciata intesa come modo di nutrirsi bene e sempre.

Da queste premesse abbiamo impostato dei protocolli nutrizionali che tengono conto delle caratteristiche del cibo, della sua appetibilità:

Un protocollo dieta comune, attuabile per il fabbisogno energetico medio dei soggetti, con patologie che non necessitano di regimi nutrizionali particolari.

Un protocollo di diete speciali: diete semiliquide, diete per sondino, dieta per disfagici.

 

Giornalmente il menu proposto sarà così articolato:

Colazione : latte e caffè o the o yogurt, fette biscottate e/o biscotti;

Pranzo : Primo piatto: 4 alternative di scelta;

Secondo piatto: 2 alternative di scelta;

Contorni vari

Frutta e dessert: frutta cotta, frutta fresca di stagione, purea di mele,  yogurth o budino;

Bevande: acqua o vino

Merenda:  the, camomilla con biscotti e succhi di frutta;

Cena: Primo piatto: 4 alternative di scelta;

Secondo piatto: 3 alternative di scelta;

Contorni vari

Frutta e dessert: frutta cotta, frutta fresca di stagione, pure di mele, yogurth o budino;

Bevande: acqua o vino

 

  1. Ufficio Accoglienza e Relazioni con il Pubblico

L’U.A.R.P. è un ufficio a disposizione degli ospiti, dei familiari, del pubblico, per migliorare la qualità dei servizi

  • Assicura informazione, accoglienza, tutela e partecipazione.
  • Facilita l’accesso attraverso informazioni sulle attività e i servizi
  • Raccoglie suggerimenti e osservazioni.
  • Predispone le visite guidate alla struttura previo appuntamento.
  • Gestisce reclami e osservazioni.
  • Gestisce le liste d’attesa

 

I parenti, gli amici ed altre persone indicate dalle famiglie possono accedere alla struttura tutti i giorni dell’anno dalle ore 8,00 alle 20,00, tuttavia la direzione dell’Istituto Geriatrico Milanese consiglia ai familiari due fasce orarie di visita, cioè dalle 10,00 alle 13,00 e nel pomeriggio dalle 16,00 alle 19,00. Lo scopo di consigliare delle fasce orarie di visita nasce dall’esigenza di poter garantire ai nostri ospiti dei momenti di privacy e tranquillità. Per accedere in altri orari si potrà chiedere l’autorizzazione alla Direzione dell’Istituto presentando una richiesta per iscritto all’Assistente sociale.

I parenti che intendono consumare i pasti insieme ai loro cari in alcuni giorni di festività (Natale, Pasqua, data di compleanno, etc.) possono prenotarsi tre giorni prima presso il nucleo.

È vietato l’inserimento di personale di assistenza privato quali ad esempio assistenti suppletive o badanti.

Si ricorda che è inoltre severamente vietato effettuare riprese fotografiche o video degli ospiti, del personale, degli ambienti e delle attrezzature dell’Istituto.

È vietato introdurre oggetti contundenti, armi, apparecchiature elettriche, prodotti chimici (ad es. detersivi, acetone, candeggina ecc) e animali. È vietato fumare all’interno dei locali dell’Istituto ed è altresì vietato consegnare agli ospiti accendini e fiammiferi. È vietato introdurre, consegnare e somministrare agli ospiti farmaci, sostanze alcoliche e cibi.

Si consiglia di consegnare gli oggetti di valore e il denaro all’assistente sociale per il loro deposito in cassaforte.

Al fine di migliorare i servizi offerti da IGM in allegato alla Carta dei servizi viene consegnato un questionario di soddisfazione. Si prega di compilarlo e consegnarlo al Front-office in busta chiusa all’attenzione del Servizio di psicologia.

Le modifiche alla Carta dei Servizi saranno comunicate quanto prima agli Ospiti, ai Familiari e agli Amministratori di sostegno tramite affissione nelle bacheche di piano.

Lista d’attesa

Le domande d’ingresso sono protocollate in base alla data di presentazione e vanno a formare la lista d’attesa. Nel momento in cui si verifica la possibilità di attingere dalla lista di attesa i criteri di selezione sono dati sia dalla data di presentazione che dalla gravità socio-sanitaria della persona (difficoltà di supporto del nucleo familiare ecc.).

 

  1. Tutela

L’Istituto garantisce la funzione di tutela nei confronti dell’ospite, il quale può formulare anche tramite i famigliari delegati suggerimenti e presentare reclami per iscritto o verbali all’U.A.R.P.. L’ufficio provvede a dare una immediata risposta per le segnalazioni e reclami di facile soluzione, altrimenti informa la Direzione che predispone un’indagine. Le segnalazioni pervenute saranno protocollate e riceveranno una risposta entro 15 giorni lavorativi.  La risposta può essere formulata in forma scritta oppure attraverso la convocazione dei familiari in riferimento alla tipologia di criticità o osservazione.

Predisposizione di azioni di miglioramento: nel caso di criticità che riguardano esclusivamente il singolo ospite ma non sono di interesse collettivo, il responsabile dei servizi analizzata la situazione e il bisogno, congiuntamente all’equipè di piano predispone delle azioni al fine di eliminare o diminuire la criticità rilevata laddove possibile. Se la criticità dovesse avere una ricaduta collettiva, congiuntamente al responsabile dei servizi e all’equipè si richiede l’approvazione da parte della direzione. Se il piano o le azioni di miglioramento dovessero essere di interesse collettivo le stesse saranno comunicate a tutti gli interessati mediante affissione sulle apposite bacheche.

L’ufficio è ubicato al piano terra dell’Istituto ed è aperto al pubblico dalle 8:00 alle 16:00. Chiunque volesse esprimere le proprie osservazioni o reclami può farlo tramite :

  • compilazione dell’apposito modulo
  • lettera in carta semplice
  • segnalazione telefonica o fax

telefono:       02/487887263; 

fax :           02/40091137;               

dove : Ufficio Accoglienza e Relazioni con il Pubblico

quando: da lunedì al venerdì dalle ore 9,00 alle ore 16,00.

L’Istituto Geriatrico Milanese è una Residenza Sanitaria Assistenziale per anziani facente parte della rete delle unità d’offerta socio sanitarie della Regione Lombardia. Tutte le richieste di ingresso sono sottoposte ad una valutazione medica e sociale in cui vengono esaminate le caratteristiche e le condizioni di bisogno dell’ospite al fine di garantire un adeguato inserimento in RSA. L’Istituto si impegna affinché gli ospiti vengano assistiti secondo criteri di appropriatezza e favorisce la continuità assistenziale. Laddove necessario IGM segnalerà all’ATS o al Comune di residenza eventuali situazioni complesse. Tutte le prestazioni offerte da IGM sono riportate nella Carta dei Servizi. Per maggiori informazioni in merito ai servizi offerti da IGM o per altre unità di offerta ci si può rivolgere all’Assistente Sociale, il cui ufficio si trova al piano terra dell’Istituto. Per informazioni più dettagliate si può consultare il sito della Regione Lombardia: www.regione.lombardia.it. All’Assistente sociale si potranno altresì richiedere informazioni per accedere a forme di integrazione economica o ad altri benefici oppure si può consultare il sito del Comune di Milano, www.comune.milano.it o il portale del proprio comune di residenza. L’IGM informa che in tutti i casi in cui si ritiene negata o limitata la fruibilità delle prestazioni nonché per ogni eventuale necessità si potrà richiedere l’intervento del difensore civico (per maggiori informazioni consultare il sito www.difensorecivico.lombardia.it) oppure rivolgersi all’Ufficio di Pubblica Tutela o all’Ufficio Relazioni con il Pubblico della ATS Milano i cui riferimenti sono riportati sul portale www.ats.milano.it. Gli orari di ricevimento dei Responsabili è affisso all’ingresso dell’Istituto ed in ogni salone dei nuclei. È altresì possibile fissare un appuntamento con i diversi Responsabili rivolgendosi al Front-Office.

 

  1. Modalità di dimissioni

 

Al momento della dimissione, il medico di reparto stila una relazione completa che identifica i problemi clinici e assistenziali, i programmi attuati, le necessarie modifiche ambientali, la terapia attuata, nonché il programma terapeutico complessivo consigliato. Alla dimissione vengono consegnati all’interessato i seguenti documenti: lettera di dimissione e documentazione clinica personale portata dall’Ospite. Inoltre il Medico fornirà la propria disponibilità a contattare telefonicamente il nuovo medico dell’anziano al fine di assicurare la continuità delle cure. Importante: il familiare o la persona di riferimento il giorno della dimissione dovrà recarsi presso la propria ATS con la lettera di dimissione del Medico e la tessera sanitaria dell’ospite per effettuare il cambio del medico di base.

 

Cartella clinica

Per ottenere il rilascio di copia della cartella clinica, occorre che l’ospite o il familiare delegato, inoltri la domanda per iscritto agli uffici della Direzione Medica. Tempi e costi di rilascio: entro 30 giorni lavorativi dalla data di richiesta ad un costo di € 100,00 per diritti di segreteria.

I certificati medici potranno essere richiesti al medico di reparto.

 

  1. Recesso e risoluzione del contratto

 

Qualora l’Ospite, il terzo firmatario del contratto o l’IGM Spa. a loro insindacabile giudizio intendano recedere dal Contratto, dovranno darne preavviso con comunicazione scritta almeno 15 giorni prima della data determinata ed entro il medesimo termine l’Ospite deve lasciare la RSA. Il mancato rispetto del termine di preavviso da parte dell’Ospite o del terzo firmatario del Contratto comporta il pagamento di una somma pari alla retta giornaliera per il numero dei giorni del mancato preavviso.

I.G.M. procederà all’immediato allontanamento dell’Ospite ed alla interruzione di ogni prestazione, nei seguenti casi:

  • mancato pagamento di una mensilità della quota, con preavviso di ulteriori quindici giorni;
  • incompatibilità dell’Ospite con la vita comunitaria della struttura (a titolo esemplificativo e non esaustivo: comportamenti violenti nei confronti di altri ospiti e di dipendenti, furto, danneggiamento attrezzature o mobili di proprietà di IGM, inosservanza del divieto di fumo etc..) ;

I.G.M. si attiverà affinché eventuali dimissioni avvengano in modalità assistita dal Comune e dalla A.T.S. competenti.

 

  1. Riconoscimento Operatori 

Tutto il personale è riconoscibile dal cartellino identificativo che è tenuto a portare in modo visibile.

 

  1. Gli Standard Assistenziali

 

La regione Lombardia ha stabilito che le RSA accreditate del territorio Lombardo devono garantire uno standard assistenziale di 901 minuti settimanali ad ospite. Le figure professionali che contribuiscono al raggiungimento dello standard sono i medici, i terapisti della riabilitazione, gli infermieri, gli animatori e gli ausiliari socio assistenziale.

Le risorse professionali presenti in istituto consentono di superare gli standard previsto dalla regione Lombardia.

 

  1. Ubicazione della Residenza Sanitaria Assistenziale

 

La  R.S.A. è situata in Milano, via Paravia, n. 63, nel quartiere di San Siro, all’interno della Circoscrizione n. 7. La struttura è accessibile con i mezzi pubblici mediante:

  • linea rossa (M1) della metropolitana fermata Lotto, in combinazione con l’autobus n. 98, fermata Paravia-Civitali;
  • linea lilla (M5) della metropolitana fermata Segesta, 500 metri a piedi;

 

  1. Retta giornaliera

 

I servizi forniti da I.G.M. sono tutti compresi nella retta giornaliera di € 76.00 per la camera doppia e di € 85,00 per la camera singola in particolare i servizi programmati di pedicure e lavanderia della biancheria intima personale sono completamente gratuiti. All’atto della stipula del contratto d’ingresso è previsto il versamento di € 2.300,00 a titolo di deposito cauzionale infruttifero ex art. 1385 c.c., che alla cessazione del contratto sarà restituito o trattenuto a compensazione di quanto dovuto.

Come previsto dalla D.G.R. 21 marzo 1997, n° 26316, si rilascerà entro la fine del mese di aprile agli ospiti la dichiarazione attestante la composizione della retta relativa ai costi sanitari ed ai costi non sanitari, in attesa della ridefinizione di queste due componenti del costo della RSA, in attuazione del D.P.C.M. del 14 febbraio 2001 ed in conformità con il quadro normativo di riferimento in materia fiscale. Le dichiarazioni potranno essere ritirate presso il front-office al piano terra.

 

  1. I servizi e le prestazioni

 

Di seguito viene riportata la tipologia dei servizi che l’Istituto Geriatrico Milanese eroga ai propri ospiti residenti:

  1. a) Tutela sanitaria assicurata da una presenza medica durante il giorno, dalle ore 9.00 alle 20.00, dal lunedì alla domenica. Dalle 20.01 alle 8.59 il servizio medico viene garantito da medici in reperibilità.

Il servizio sanitario dell’Istituto assicura la prevenzione, la diagnosi, la terapia e la riabilitazione dell’Ospite. L’attività di prevenzione è rivolta soprattutto alla profilassi delle malattie delle vie aeree (influenza, polmoniti), delle alterazioni del metabolismo (malnutrizione e disidratazione), delle alterazioni del metabolismo osseo (osteoporosi), delle ulcere da decubito, alla conservazione di una adeguata attività mentale e relazionale.

L’attività diagnostica e terapeutica si articola sulla visita medica, sulla valutazione funzionale (effettuata in collaborazione con il personale infermieristico, con il servizio di riabilitazione e altre figure professionali), sulla compilazione della cartella clinica, sullo svolgimento di esami di laboratorio e strumentali necessari per formulare al meglio il piano assistenziale e terapeutico e la determinazione del Piano Assistenziale Individualizzato.

  1. b) Assistenza infermieristica qualificata a copertura delle ore diurne e notturne. Gli infermieri professionali svolgono sia un ruolo strettamente professionale sia un ruolo relazionale. Il primo comprende gli atti infermieristici classici (somministrazione delle terapie, gestione dei cateteri, medicazione dei decubiti, prelievi ematici ecc.); il secondo è più peculiare dell’assistenza all’anziano e si caratterizza per una particolare attenzione alle relazioni umane con gli ospiti (ascolto empatico, interazione terapeutica e riattivante) nella logica di mantenere sempre elevata la tensione al recupero non solo fisico ma anche cognitivo.
  2. c) Assistenza alla persona svolta da operatori tecnico assistenziali addestrati al soddisfacimento dei bisogni fondamentali dell’anziano non più autosufficiente. Tali funzioni vengono svolte quotidianamente in una costante attenzione a mantenere e rispettare la dignità, l’autonomia e la privacy dell’Ospite. Anche tra gli operatori vige la logica del mantenere elevata la tensione riabilitativa tramite l’instaurarsi di rapporti cordiali, amichevoli con gli ospiti.
  3. d) Servizio di Riabilitazione. Viene offerta la consulenza di uno specialista Fisiatra per tutti gli ospiti che accedono alla Struttura e, a discrezione dei curanti, periodiche rivalutazioni da parte dello stesso, per la formulazione di un piano riabilitativo, finalizzato al mantenimento delle autonomie residue e alla prevenzione delle piaghe da decubito, soprattutto per gli ospiti allettati. Il servizio di riabilitazione è affidato a personale qualificato. La riabilitazione è qui intesa in senso lato, come rieducazione funzionale che prevede il controllo della menomazione e comprende trattamenti terapeutici specifici, individuali o collettivi, rivolti a contrastare il decadimento generale dell’anziano, a mantenerlo motivato psicologicamente ed inserito nella struttura sociale.
  4. e) Servizio di psicologia: per monitorare gli aspetti psicologici, emotivi, relazionali, sociali, comportamentali e cognitivi, attraverso la somministrazione del Test Mini Mental State. Verranno offerti agli ospiti colloqui individuali per superare e gestire possibili momenti di crisi e difficoltà emotiva e relazionale. Ai familiari verrà offerto uno spazio di sostegno psicologico, con l’obiettivo di offrire un supporto nella gestione dell’adattamento e della permanenza dell’ospite in struttura da un punto di vista psicoemotivo e comportamentale. L’obiettivo è quello di favorire la creazione e il mantenimento di una rete tra le diverse figure professionali e i familiari orientata al benessere dell’ospite.
  5. f) Servizio di Animazione per mantenere vivi gli stimoli a socializzare e comunicare, in particolare mediante la partecipazione ad attività ludiche e ricreative di gruppo o dell’intera comunità. Il programma di animazione si basa sulla valutazione dell’influenza dei fattori culturali e sociali sul delicato equilibrio della persona che invecchia, portata inesorabilmente al disimpegno, alla rinuncia ed alla perdita dell’autostima. Punti fondamentali del progetto sono:
  • l’individuazione delle strategie per il superamento delle passività e della spersonalizzazione dell’anziano istituzionalizzato;
  • l’identificazione dei modelli di intervento animativo a sostegno delle capacità funzionali e relazionali dell’Ospite;
  • la valutazione dell’efficacia delle tecniche rispetto agli obiettivi di mantenimento e di recupero delle capacità funzionali e relazionali.

I laboratori di animazione sono molteplici e comprendono: la lettura dei quotidiani, la visione di film, l’ascolto di opere, gruppi di discussione, atelier di pittura, disegno, ecc., feste di compleanno, feste tematiche ed altri eventi culturali progettati in relazione alle diverse esperienze ed interessi di cui gli ospiti sono portatori.

  1. g) Servizio di Case-management. I compiti del servizio sociale comprendono:
  • l’accoglienza degli ospiti;
  • i contatti con i parenti per la compilazione della scheda sociale relativa all’Ospite al momento dell’ingresso;
  • le attività di segretariato sociale;
  • la collaborazione con le attività di animazione;
  • i contatti con il territorio (servizi sociali del Comune, altre strutture);
  • l’assistenza agli ospiti per la risoluzione di problemi che si evidenziano o nascono in concomitanza con il ricovero o le dimissioni e per facilitare l’utilizzo ottimale delle risorse presenti nella struttura.
  1. h) Servizio di Assistenza Religiosa fornita da un Sacerdote e celebrazione della Santa Messa, generalmente il sabato pomeriggio.
  2. i) Servizio di Lavanderia; L’Istituto provvede gratuitamente al lavaggio della sola biancheria intima.
  3. l) Barbiere; tre volte alla settimana ci preoccupiamo di una problematica tipicamente maschile: la barba, servizio incluso nella retta.

 

Non sono compresi nella retta i servizi e la prestazioni non espressamente indicati nel contratto ed a titolo esemplificativo ma non esaustivo ricordiamo:

  1. Trasporti: i trasporti per l’effettuazione di visite specialistiche o accertamenti strumentali richiesti dai medici della Struttura, tutti i trasferimenti ad altre strutture per visite specialistiche ed esami strumentali richieste dai medici di struttura, visite mediche non richieste dai medici della Struttura, visite per l’accertamento dell’invalidità civile, i viaggi privati, il trasporto ad altra struttura, i trasferimenti per attività di animazione tra cui: gite, visite guidate, rappresentazioni teatrali, cinematografiche, picnic.

Per tutte le visite è necessario che un familiare o una persona da questi indicata accompagni l’ospite

  1. Accompagnamento: nel caso di trasferimento per visita specialistica e/o esami strumentali.
  2. Apparecchi protesici: fornitura o riparazione di qualsiasi tipo di protesi.
  3. Parrucchiere uomo/donna: totalmente a carico dell’Ospite. Le tariffe sono esposte fuori dal locale.
  4. Visite specialistiche: sono a carico dell’ospite anche le visite non richieste dal medico di struttura e/o richieste privatamente dall’ospite stesso.

 

  1. Rilevazione del grado di soddisfazione dell’utenza

 

La rilevazione del grado di soddisfazione dell’utenza, dei familiari e dei caregiver  viene effettuata annualmente tramite somministrazione del questionario predisposto dall’ ATS Milano – Città Metropolitana. L’analisi dei dati e la predisposizione del relativo report verrà effettuato dal servizio di psicologia nei mesi di novembre e dicembre di ogni anno. Il report sarà messo a disposizione di tutti nelle bacheche dei familiari di ogni piano nel primo trimestre dell’anno successivo.

Il report individuerà i principali aspetti da migliorare e le modalità operative di raggiungimento degli obiettivi.

Il grado di soddisfazione degli operatori verrà misurato tramite somministrazione di un questionario all’uopo predisposto. L’analisi dei dati e la predisposizione del relativo report verrà effettuato dalle Responsabili dei Servizi nei mesi di novembre e dicembre di ogni anno. Il report sarà messo a disposizione di tutti nelle bacheche degli operatori di ogni piano nel primo trimestre dell’anno successivo.

Ultimo aggiornamento:  25 gennaio 2018

 

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nell’Informativa Estesa. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l’Informativa Estesa. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi